NUOVO DECRETO… LEGGI E TI SARA’ DETTO

Gestione della sicurezza antincendio: nuovo decreto per i luoghi di lavoro

Oggi ci trova d’accordo e in sintonia nel dover parlare di prevenzione incendi.

Già perché è finalmente arrivato in Gazzetta Ufficiale il Decreto del Ministro dell’Interno 2 settembre 2021 – elaborato “di concerto” con il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali – recante:

Criteri per la gestione dei luoghi di lavoro in esercizio ed in emergenza e caratteristiche dello specifico servizio di prevenzione e protezione antincendio, ai sensi dell’articolo 46, comma 3, lettera a), punto 4 e lettera b) del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81”.

Questo in soldoni sta a significare che si è giunti alla seconda tappa di allineamento delle indicazioni in materia di rischio e prevenzione incendi nei luoghi di lavoro.

Il prossimo passo che è molto atteso sarà dunque un futuro decreto ai sensi dell’art. 46 comma 3 lettera a punto 1 del D. Lgs. 81/2008.

Fermati un attimo. Ti è piaciuto quello che hai letto fino ad ora? Allora diventa un lettore VIP iscriviti e ricevi in anteprima GRATIS tutti gli articoli e rimani aggiornato sulle novità e normative in ambito Sicurezza & Antincendio nei luoghi di lavoro.

DI COSA PARLA IL NUOVO DECRETO?

All’interno di questo nuovo decreto troviamo i seguenti argomenti:

  • Campo di applicazione e aspetti trattati dal nuovo decreto;
  • Gestione della sicurezza antincendio in esercizio ed in emergenza;
  • Gestione della sicurezza e percorsi di formazione e informazione.

CAMPO APPLICAZIONE

Vediamo dunque il “Campo di applicazione”, il decreto:

  • stabilisce i criteri per la gestione in esercizio ed in emergenza della sicurezza antincendio;
  • si applica alle attività che si svolgono nei luoghi di lavoro.

E’ importante ricordare che detto decreto entrerà in vigore a un anno dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ossia ad ottobre 2022.

I campi di applicazione dello stesso sono diversi, perciò ritengo opportuno, al momento sottolineare di seguito i principali:

  • segnala gli obblighi correlati all’informazione e formazione dei lavoratori;
  • riporta indicazioni per gli addetti al servizio antincendio;
  • disciplina la gestione della sicurezza antincendio (GSA) in esercizio ed in emergenza;
  • affronta i vari aspetti transitori relativi all’aggiornamento pregresso.

GESTIONE ANTINCENDIO E EMERGENZA

Entrando ora nello specifico, diviene importante estrapolare dal decreto alcune indicazioni relative alla gestione della sicurezza antincendio in esercizio ed in emergenza.

Nello stesso si riporta come il datore di lavoro adotti le misure di gestione della sicurezza antincendio in esercizio ed in emergenza, in funzione dei fattori di rischio incendio presenti presso la propria attività, e questo secondo i criteri indicati negli allegati I e II (parte integrante del decreto).

Inoltre il datore di lavoro per i suddetti casi deve predisporre un piano di emergenza in cui siano riportate le misure di gestione della sicurezza antincendio in emergenza.

Chiaramente nel piano di emergenza devono essere SPECIFICATI i nominativi dei lavoratori incaricati dell’attuazione delle seguenti misure:

  • prevenzione incendi;
  • lotta antincendio;
  • gestione delle emergenze.

SICUREZZA E FORMAZIONE

Infine diviene basilare sottolineare come all’interno dello stesso vi siano chiare indicazioni che fanno riferimento all’obbligo del datore di lavoro di fornire ai lavoratori un’adeguata informazione e formazione su:

  • rischi di incendio e di esplosione legati all’attività svolta;
  • rischi di incendio e di esplosione legati alle specifiche mansioni svolte;
  • misure di prevenzione e di protezione incendi adottate nel luogo di lavoro;
  • ubicazione delle vie d’esodo;
  • procedure da adottare in caso di incendio, ed in particolare informazioni inerenti:
  • azioni da attuare in caso di incendio;
  • azionamento dell’allarme;
  • procedure da attuare all’attivazione dell’allarme e di evacuazione fino al punto di raccolta in luogo sicuro;
  • modalità di chiamata dei vigili del fuoco.
  • nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze e primo soccorso;
  • nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione.

CONCLUSIONI

E’ facile intuire come questo decreto potrà rendere più chiare alcune logiche funzionali nella lotta e nella gestione delle situazioni di emergenza.

Certo bisognerà attendere maggiori approfondimenti relativi al contenuto dello stesso.

COSA ASPETTI ANCORA, SISTEMIAMO LA TUA AZIENDA… CONTATTAMI!

SE L’ARTICOLO TI E’ SERVITO COMMENTA O LASCIA UN LIKE.

OPPURE ISCRIVITI AL BLOG E RICEVI GLI ARTICOLI IN ANTEPRIMA.

Marco Mengoli
3476421585
sicurezzantincendio@marcomengoli.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...