COPERTA ANTIFIAMMA… NORMATIVA E UTILIZZO

Se sei un ristoratore, un gestore di bar, una rosticceria, una pizzeria d’asporto o un’ambulante alimentare non puoi non avere in ditta una COPERTA ANTIFIAMMA.

NON CE L’HAI???!!!

Allora leggi quanto segue e scopri questo strumento e le normative che la riguardano e poi acquistane almeno uno!!!

Cos’è la coperta antifiamma?

Un telo composto da fibra di vetro che viene ricoperto da una particolare resina molto resistente alle alte temperature (grazie a questo rivestimento può sopportare una temperatura massima di 900 gradi).

Fermati un attimo. Ti è piaciuto quello che hai letto fino ad ora? Allora diventa un lettore VIP iscriviti e ricevi in anteprima GRATIS tutti gli articoli e rimani aggiornato sulle novità e normative in ambito Sicurezza & Antincendio nei luoghi di lavoro.

Detto ciò… come si usa?

La coperta deve essere gettata direttamente sopra l’incendio in modo da bloccare l’ossigeno, pertanto soffocare l’incendio e farlo spegnere il prima possibile.

Chiaramente stiamo parlando di incendi di piccole dimensioni.

E’ inoltre importante rammentare che la stessa va tenuta per un po’ di tempo sopra la fiamma, affinché essa possa spegnersi senza possibilità di riprendersi, infine va gettata, in quanto non sarà più utilizzabile nel caso si verificasse un secondo incendio.

Ma è obbligatoria?

Secondo la Legge italiana, più precisamente il decreto legislativo riguardante la sicurezza sul lavoro, la coperta antifiamma è uno strumento che può essere utilizzato al posto dei classici estintori a polvere, pertanto l’obbligo vi è in tutti quei luoghi di lavoro in cui non è possibile utilizzare degli estintori.

Ma vediamo la Normativa…

La normativa non prevede solamente delle regole precise sulla costruzione di questo strumento, ma fa riferimento anche alla manutenzione della coperta antifiamma.

Esso non prevede alcun tipo di manutenzione in quanto subito dopo aver spento l’incendio e quindi essere stata utilizzata dovrà essere sostituita da una nuova.

MA PERCHE’?

Semplice… nel caso in cui venisse riutilizzata, molto probabilmente la coperta antifiamma non svolgerà più correttamente il lavoro per il quale è stata concepita.

HA UNA SCADENZA?

Deve essere sostituita entro e non oltre i 5 anni poiché, potrebbe essersi deteriorata e pertanto non essere più efficace per spegnere gli incidenti piccoli.

Insomma, possiamo affermare con certezza che la coperta antifiamma ha una scadenza da rispettare, oltre la quale essa non garantirà delle ottime prestazioni dal punto di vista della sicurezza.

In conclusione, la coperta antifiamma è un dispositivo davvero efficace per salvaguardare la vita di tutti i lavoratori, qualora si verificassero degli incidenti non eccessivamente pericolosi.

SE L’ARTICOLO TI E’ SERVITO COMMENTA O LASCIA UN LIKE.

OPPURE SE HAI BISOGNO DI CHIARIMENTI? CONTATTAMI!

Marco Mengoli
3476421585
https://twitter.com/MarcoMengoli
https://www.instagram.com/sicurezzantincendio
https://www.facebook.com/mmsicurezzantincendio
https://www.linkedin.com/in/sicurezzantincendio
http://www.sicurezzantincendio.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...